Blitz Champions del Milan al Tardini: Parma battuto 3-1 e secondo posto consolidato

Vittoria importantissima per il Milan che conquistano tre punti chiave per la corsa alla Champions League, mentre per il Parma un’opportunità in meno per sperare nella salvezza. Un match dominato dai rossoneri nel primo tempo con le reti di Rebic e Kessié, poi al 60′ l’espulsione di Ibrahimovic ha rischiato di compromettere il successo. La rete di Gagliolo ha ridato speranze ai gialloblu, sino al tris conclusivo di Leao al 94′.

CRONACA PARMA-MILAN – Guardando le formazioni ufficiali, Roberto D’Aversa non rinuncia al 4-3-3 con Man e Gervinho ai lati di Pellé nel tridente. Dall’altra parte Stefano Pioli schiera il solito 4-2-3-1 con Ibrahimovic supportato da Saelemaekers, Calhanoglu e Rebic. In difesa c’è Kalulu come terzino destro e non Dalot.

Primo tempo, Milan sul 2-0

Avvio di match su buoni ritmi e risultato che si sblocca già al minuto 8, col Milan in vantaggio: Ibrahimovic lavora un bel pallone sui 20 metri e serve Rebic dentro l’area, il croato controlla e girandosi calcia sotto l’incrocio, lì dove Sepe non può farci molto. I rossoneri spingono ancora e all’11’ Ibrahimovic non arriva per pochi centimetri sulla palla tagliata di Calhanoglu, mentre al 16′ lo svedese . Dall’altra parte il Parma spinge molto a sinistra con Pezzella, ma senza però creare reali pericoli dalle parti di Donnarumma. Non manca di certo l’intensità in casa ducale, ma la qualità è tutta nei piedi degli ospiti e al 44′ arriva anche il gol dello 0-2: Hernandez scambia prima con Ibrahimovic, poi dal limite serve Kessié: l’ivoriano, dall’altezza de dischetto col destro batte inserobilmente Sepe.

Secondo tempo, Ibra espulso e il Parma ci crede

gol di Gagliolo in Parma-Milan

La ripresa si apre con un volto nuovo nel Parma, dentro Cornelius al posto dell’evanescente Gervinho e attacco pesante col danese a far coppia con Pellé. Si comincia con un Milan in controllo e con Ibrahimovic che saggia l’attenzione di Sepe, anche se è Donnarumma a salvare i rossoneri al 51′ con una doppia parata, prima su Conti e poi su Pellé. La nuova svolta del match arriva però al 60′, quando Maresca estrae all’improvviso il cartellino rosso e sancisce l’espulsione di Ibrahimovic, evidentemente per qualche parola di troppo. Il Parma si ritrova dunque con un vantaggio inaspettato e al 66′ torna in partita: pallone in mezzo per Pellé che fa da torre per il destro di Gagliolo che mette in rete anticipando Donnarumma. Il finale di partita vede ovviamente i ducali attaccare a testa bassa, mentre il Milan si difende con l’inserimento anche di forze fresche e dei vari Dalot, Meité, Krunic, Gabbia e Leao. Gli emiliani si buttano in avanti, ma il Milan in contropiede al 94′ chiude i giochi col 3-1, dopo una grande sgroppata di Dalot. 

Vince lo Spezia, 3-2 al Crotone

Nel primo match della 30esima giornata, invece, vittoria importantissima per 3-2 dello Spezia sul Crotone allo stadio Picco. Un successo maturato in rimonta e nei minuti finali, e che segna praticamente la retrocessione dei calabresi in Serie B. Il primo tempo si chiude con gli ospiti in vantaggio per 1-0 con la rete di Djidji al 40′. Poi nella ripresa il pari ligure con Verde al 63′, prima che Simy, al gol numero 16 in campionato, riporti avanti i rossoblu. Nel finale però la clamorosa rimonta degli spezzini, a segno con Maggiore all’89’ ed Erlic al 92′. Con questa affermazione la squadra di Italiano è salita a quota 32 punti in classifica, a più dieci sul Cagliari terz’ultimo (in attesa della complicata sfida che attende i sardi domenica sul campo dell’Inter).

SCOPRI I MIGLIORI BOOKMAKERS