Notte amara in Champions League: Inter piegata 3-2 dal Real, manita Liverpool all’Atalanta

La terza giornata della fase a gironi di Champions League, si è aperta con le sfide di questo martedì 3 novembre, dove toccava a Inter Atalanta difendere i colori italiani in altrettanti match di grande spicco. Ma non è arrivato alcun risultato utile, dato che la squadra di Antonio Conte ha ceduto per 3-2 al Real Madrid, mentre i ragazzi di Gasperini sono stati travolti per 5-0 dal Liverpool.

Real Madrid-Inter 3-2

Primo tempo spettacolare a Valdebebas con occasioni da rete da ambo le parti e squadre ad affrontarsi a viso aperto. Subito grandi occasioni per Asensio, grande intervento di Handanovic, e per Barella, con Courtois che si salva con l’aiuto della traversa. Nessun tatticismo, ma a sbloccare il match è un clamoroso errore di Hakimi per l’1-0 del Real Madrid: retropassaggio suicida, Benzema anticipa Handanovic in uscita e deposita in rete al 24′. I nerazzurri accusano il colpo e al 32′ è 2-0: tiro dalla bandierina a rientrare, Sergio Ramos si esibisce nella specialità della casa e di testa fa bis. Questa volta l’Inter reagisce e al 34′ riapre la contesa: tacco volante fantastico di Barella che innesca in area Lautaro Martinez. Il Toro prende il tempo a Varane e di prima intenzione fulmina Courtois.

Gol di Perisic contro il Real Madrid

Il secondo tempo si apre senza cambi e con un match che resta in equilibrio, anche perché il Real Madrid non è quasi mai compatto sul campo e rischia sempre tanto. E infatti al 69′ l’Inter trova un meritato 2-2: colpo di testa di Lautaro Martinez, in seguito ad un pallone recuperato sulla trequarti dai nerazzurri, e sfera che arriva a Perisic. Il croato copre la sfera sul rientro di Vazquez e poi incrocia il mancino battendo Courtois in diagonale. Nel finale di match le squadre si allungano, specie il Real, con l’Inter che non capitalizza due ottime chance con Lautaro e lo stesso Perisic. 

Ma un altro errore in fase difensiva dell’Inter all’80’, porta il Real Madrid sul 3-2: pressione alta sbagliata, Vinicius vola via a sinistra e pallone al centro, al limite sopraggiunge Rodrygo, controllo e destro che inchioda Handanovic. Non succede altro, l’Inter esce sconfitta.

Atalanta-Liverpool 0-5

La sfida del Gewiss Stadium vede un Liverpool dominante nel primo tempo, con i Reds che lo chiudono con merito avanti di due reti. Dopo un’occasione per parte, gli ospiti passano in vantaggio al 16‘: imbucata di Alexander-Arnold per Diogo Jota, l’ex Wolves in posizione regolare si presenta a tu per tu con Sportiello e lo batte con il cucchiaio. Il più pericoloso tra gli orobici è Muriel, ma nel Liverpool c’è un Diogo Jota in stato di grazia e al 34′ il numero 16 fa anche doppietta per il 2-0 Liverpool: lancio di Joe Gomez, controllo del pallone in area di rigore col sinistro per aggirare Hateboer e botta con il destro per battere ancora Sportiello. Quest’ultimo nel finale di tempo evita il peggio, salvando i suoi dal tris e dal destro dal limite di Mané.

Hateboer in un corpo a corpo con Jota

Il secondo tempo si apre con un Liverpool ancora non sazio e che, nel giro di quattro minuti mette di fatto fine alla partita. Al 47′ arriva lo 0-3 di Salah: corner di Gomez messo fuori dalla difesa, il pallone finisce a Salah che parte a tutta velocità verso l’area di rigore orobica. L’ex Roma si porta la sfera sul mancino, sterza su Hateboer e manda la sfera sotto la traversa. L’Atalanta esce di scena e al 49′ è Mané a firmare il poker, battendo Sportiello nell’uno contro uno assistito da Salah. Notte fonda per l’Atalanta che al 54′ subisce anche la manita Reds, con la tripletta di Diogo Jota. Match ampiamente finito, ma all’Atalanta non gira nemmeno bene quando Zapata al 62′ colpisce un clamoroso palo. Il resto è accademia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *