Fiorentina ko al Franchi contro la Samp: Verre firma il blitz blucerchiato

Il primo anticipo della terza giornata di Serie A vede arrivare un successo esterno, che tanto stanno andando di moda in questo avvio di campionato, con la Sampdoria ad imporsi per 2-1 sul campo della Fiorentina. Match bello e con tante occasioni, chiuso avanti 1-0 dai bucerchiati col rigore di Quagliarella. Nel secondo tempo prima arriva il pari di Vlahovic al 72′, poi il definitivo nuovo vantaggio doriano con Verre all’83’. Primo successo in stagione per la squadra di Ranieri dopo due ko, mentre la Fiorentina resta a quota 3 subendo la seconda sconfitta di fila.

CRONACA FIORENTINA-SAMPDORIA – Sul fronte formazioni ufficiali Giuseppe Iachini schiera la Fiorentina col modulo 3-5-2 schierando Vlahovic e Kouamé di punta, vista l’assenza di Ribery nemmeno in panchina. Sull’out di destra regolarmente in campo Chiesa, con fascia di capitano e in ‘odore’ di trasferimento alla Juventus. Dall’altra parte Claudio Ranieri opta per il modulo 4-4-1-1 con Ramirez in appoggio a Quagliarella, mentre esterni di centrocampo Candreva a destra e Damsgaard a sinistra.

Primo tempo, Samp avanti al Franchi

Il match inizia con la Fiorentina subito all’attacco e una Sampdoria intimorita che gioca tutta all’indietro. I viola spingono e all’8 costruiscono una grande chance: gran ripartenza con Bonaventura lanciato sul lato destro da Castrovilli. L’ex milanista di prima intenzione effettua un cross basso destinato a Kouame che, da ottima posizione, colpisce molto male e non inquadra la porta. Poco dopo ci prova invece con un sinistro piazzato da fuori, Audero è attento e mette in corner. Tuttavia dopo una punizione dal limite che Biraghi mette a lato di poco, la Sampdoria esce dal guscio e comincia a creare pericoli. A cominciare da un sinistro di Ramirez che sfiora la traversa, dopo una deviazione di Castrovilli.

scatto del gol di Quagliarella contro la Sampdoria

I blucerchiati giocano più sciolti e, dopo un gol annullato a Quagliarella per un fallo sul rinvio di Dragowski (in realtà il fischio di Giacomelli arriva prima che il pallone finisce in rete), la Samp al 36′ fa ad un soffio dal vantaggio: cross di Candreva da destra va a vuoto Quagliarella, con Castrovilli che devia e per poco non fa autogol colpendo la traversa. Sulla ribattuta si getta Damsgaard con il destro, ma prima Ceccherini e poi Milenkovic fanno muro. Il match resta divertente, ma al 41′ arriva l’episodio che sblocca l’incontro: Ramirez imbuca un pallone per Quagliarella, alle sue spalle arriva l’evidente trattenuta di Ceccherini ed è calcio di rigore. Dal dischetto il destro potente del numero 27 non lascia scampo a Dragowski.

Secondo tempo, vince la Samp 2-1

Il secondo tempo si apre senza cambi e con una Sampdoria ancora in fiducia e vicina al raddoppio, minuto 55: Caceres e Castrovilli sbagliano in uscite, con Thorsby che recupera e serve Quagliarella. Pallone preciso per Candreva che, da posizione defilata, esplode il destro che poi si infrange sull’incrocio dei pali. La Fiorentina, con Cutrone al posto di Kouame al 58′, non riesce a creare gioco, affidandosi così ai calci piazzati e da uno di questi Caceres al 61′ mette alto da buona posizione. Dopo un altra occasione per Candreva che impegna Dragowski in una non facile respinta, arrivano tre cambi in casa blucerchiata con Leris, Askildsen e Verre a rilevare gli ottimi Damsgaard, Ramirez e Candreva.

Vlahovic esulta dopo un gol

Il match resta in bilico, con la Fiorentina che riacciuffa il pari al minuto 72 con Vlahovic: conclusione da fuori area del suo connazionale Milenkovic, divenuto un assist per l’occasione. Controllo e mancino angolato a battere Audero. Subito dopo la Sampdoria ritrova il vantaggio con Thorsby al 76′ sugli sviluppi di un corner, ma Giacomelli richiamato al VAR annulla per un tocco precedente con la mano di Tonelli. 

Nella Fiorentina esce Castrovilli acciaccato per Duncan, ma la Sampdoria questa volta sì torna in vantaggio all’83’: assist che parte direttamente dai piedi di Audero, al rinvio, Verre sguscia alle spalle di Caceres, stoppando la sfera e beffando un Dragowski un po’ troppo a metà strada con uno splendido pallonetto. Nel finale assalti disperati della Fiorentina, ma anche sfortunati come sul destro incrociato all’ultimo respiro di Chiesa che sbatte sul palo. Ma è la Samp a fare festa e mettere in cascina la prima vittoria stagionale dopo due ko.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *