Pogba: “Alla Juve perché Ferguson mi spezzò il cuore”

La stagione di Paul Pogba è stata a dir poco complicata. Solamente 610 minuti in campo, 8 partite, 0 gol e 2 assist. Poi un infortunio alla caviglia, prima, e al piede, in seguito, che lo hanno frenato da metà settembre in avanti. Insomma, il francese visto alla Juventus era decisamente un’altra storia. Il centrocampista dello United, ai microfoni del sito ufficiale, è tornato a parlare proprio del suo approdo a Torino. Decisivo, paradossalmente, fu Sir Alex Ferguson. 

Ferguson United Gallery IMAGE.jpg

“Questione di contratto? Fu piuttosto una mancanza di fiducia di Ferguson – ha spiegato il classe 1993, che poi ricorda una partita in particolare – il match contro il Blackburn fu la goccia che fece traboccare il vaso. Mancavano tutti i centrocampisti, giocarono Park e Rafael in mezzo al campo e io invece non entrai. Perdemmo. Ferguson mi fece riscaldare, pensavo che sarei entrato, mi spezzò il cuore”. Lì la convinzione di dover cambiare aria per poter crescere: “Dissi ad Evra che sarei andato via, ma fu difficile. Così andai alla Juventus, senza la garanzia di essere titolare. Volevo dimostrare di essere pronto per giocare in prima squadra”.

Pogba Rashford Lingard United GETTY.jpg

Da lì l’inizio di una storia che tutti conosciamo. 178 partite, 34 gol e 40 assist. Scudetti e una Champions soltanto sfiorata. Poi un trasferimento record per tornare – da campione affermato – al Manchester United. 

Pogba IMAGE x gallery
Pogba: “Alla Juve perché Ferguson mi spezzò il cuore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *