PROBABILI CAMBIAMENTI IN CASA PARTENOPEA: FINITA PER KOULIBALY E ALLAN?

Napoli, 23 marzo 2020 – In un’estate che potrebbe essere ricca di calcio giocato, Aurelio De Laurentiis non perde di vista il mercato e in particolare la rivoluzione che aveva pianificato da tempo per il suo Napoli: se il futuro di tanti big della rosa è incerto, quello dell’allenatore è saldamente all’ombra del Vesuvio.

I PARTENTI – Anche se il destino della stagione è appeso a un filo e se i mesi effettivi di gioco a sua disposizione sono stati pochi, Gennaro Gattuso ha convinto e non solo resterà il tecnico azzurro anche nella prossima annata, ma potrebbe farlo addirittura fino al 2023: è ciò che le parti si sono dette lo scorso 6 marzo, quando gli incontri faccia a faccia erano ancora possibili, verrebbe da dire. Per il nero su bianco serviranno tempi migliori in ogni senso ma, salvo clamorosi e improbabili colpi di scena, sarà ancora Ringhio a guidare una squadra che invece a breve potrebbe salutare diversi senatori. Il nome più in bilico e per certi versi quasi certo di lasciare il capoluogo campano è quello di Kalidou Koulibaly, conteso tra Paris Saint-Germain e Manchester United, con il club francese attualmente in vantaggio. Gli inglesi però non demordono e sono pronti ad alzare la propria offerta specialmente qualora il futuro di Chris Smalling fosse ancora a Roma. Potrebbe proseguire in Italia anche la carriera di Allan, già finito in orbita Inter a gennaio: a testimoniarlo è lo scambio imbastito ma non andato in porto tra il cartellino del brasiliano e quello di Matias Vecino che comunque difficilmente verrà riproposto in estate. Proprio la scorsa stagione calda sbarcarono all’ombra del Vesuvio Fernando Llorente e Hirving Lozano: anagrafe diversa, così come le aspettative riposte su di loro da parte dei tifosi, ma il flop è stato il medesimo al punto che soffiano sempre più forti i venti d’addio. Discorso analogo per la meteora Amin Younes e invece per l’ormai quasi ex colonna José Maria Callejon, col quale il dialogo per rinnovare il contratto è fermo da mesi.

CAPITANO IN BILICO – Poi c’è il caso Lorenzo Insigne: con l’arrivo di Gattuso il capitano è tornato al centro del progetto in campo e fuori, ma le ruggini con De Laurentiis sono frequenti e dietro l’angolo anche dopo periodi di tregua come quello in corso. L’impressione è che il folletto di Frattamaggiore non sia stato messo ufficialmente sul mercato ma, nello stesso tempo, verranno ascoltate eventuali offerte degne di sancire l’addio proprio adesso che i malumori sembrano alle spalle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *