Tradizione e voglia riscatto: Lazio, le insidie del girone di Europa League

Prima reazione dopo il sorteggio: “Le cose facili non ci piacciono, siamo abituati a soffrire”. Parola di Tare, eccitato dal calibro delle avversarie ma rispettoso della loro storia. Poi mette subito le cose in chiaro “siamo i favoriti del girone”. La Lazio incappa di nuovo in un raggruppamento tosto dopo le insidie dello scorso anno. Celtic Glasgow, Rennes e Cluj sono le avversarie dei biancocelesti del gruppo E: tradizione e un avvio convincente spingono la squadra di Inzaghi a predicare calma, soprattutto dall’alto della prima fascia conquistata dopo il passaggio in Champions di Ajax, Bruges e Olympiakos che avrebbe potuto regalare un sorteggio più morbido. 

Karamoko Dembelé Celtic GDM

CELTIC 

Pensi ai Celtic Glasgow e rivivi la storia, imponente. Uno dei più importanti club scozzesi fondato da un irlandese, fratello Walfrid, un marista della contea di Sligo che costituì inizialmente il club a scopo benefico, per aiutare tutti coloro che all’epoca in Scozia faticavano a sopravvivere. Era il 1887, il principio di una delle storie più affascinanti del mondo del calcio.  

Poi guardi la classifica attuale e il Celtic è ancora lì: primo posto a 9 punti, con una differenza reti da +12. Dal 2011 non sbaglia un colpo: otto campionati di fila (50 complessivi) per accorciare sui rivali storici dei Rangers, che di campionati scozzesi ne hanno vinti 54. La sfida tra i due club è tra le più antiche, ma guai a chiamarla ancora ‘Old firm’, almeno di fronte ai tifosi del Celtic. Da quando i rivali sono falliti nel 2011 per loro ora è solo il derby di Glasgow. 

La scorsa stagione l’Europa League del Celtic si è fermata ai sedicesimi dopo la doppia sconfitta con il Valencia, quest’anno è iniziata a seguito dell’eliminazione ai preliminari di Champions da parte del Cluj, che ritroverà nel girone E insieme alla Lazio. Squadra compatta e solida, senza individualità di spicco ma pericolosa grazie alla solidità di un gruppo che lavora insieme da anni. In mediana l’onnipresente Scott Brown rappresenta lo spirito della squadra grazie alle oltre 500 presenze con la maglia dei Celtic. Il giovanissimo Dembelé (classe 2003) è la mina vagante della rosa allenata da Neil Lennon. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *