Inter, Spalletti: “Icardi? La mediazione è umiliante per tutti i tifosi”

Le parole di Luciano Spalletti al termine di Inter-Lazio

0-1 contro la Lazio, la rincorsa Champions si complica e l’assenza di Icardi si fa pesante. Luciano Spalletti analizza così la sconfitta dell’Inter ai microfoni di Sky Sport“E’ una sconfitta dura contro una diretta concorrente. Non siamo stati fortunati soprattutto all’inizio. Noi siamo stati bene in cammpo al di là della seconda parte del primo tempo, quando ci siamo fatti trovare impreparati su alcune situazioni di gioco. La Lazio un paio di occasioni a partita le crea sempre”.

Poi Spalletti torna sul caso Icardi: “Questa situazione diverte voi giornalisti. Perdevamo e vincevamo uguale con Icardi. Oggi lui doveva star fuori per come si è comportato, è giusto che giochino gli altri. Bisogna avere credibilità all’interno di un gruppo. Questo fatto della mediazione è una cosa umiliante per tutti gli interisti. Non si può pregare un calciatore di indossare la maglia dell’Inter. Solo Messi e Ronaldo fanno la differenza. E’ la disciplina la vera forza di una squadra e di un professionista. Dalla prossima partita tornerà a essere convocato”, ha chiuso l’allenatore nerazzurro.

Lazio, Inzaghi: “Vittoria di personalità. Milinkovic-Savic? Ho sbagliato io”

L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post-partita della sfida con l’Inter

La Lazio supera per 1-0 l’Inter a San Siro: in gol Milinkovic-Savic. Tre punti importanti per la squadra biancoceleste, che continua la rincorsa alla zona Champions. Nel post-partita l’allenatore della Lazio Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Ci saranno una serie di partite ravvicinate e dovremmo essere bravi a recuperare forze ed energie. Al di là degli altri risultati, io guardo la mia squadra. Veniamo da un ottimo momento, nonostante durante la sosta abbiamo perso Radu Patric. Oggi ho schierato altri giocatori e il risultato non è cambiato. La squadra ha avuto personalità. Abbiamo sbagliato a non fare il secondo gol. Siamo riusciti a cocedere poco. Portiere e difensori hanno gestito bene le situazioni”. 

Un commento anche sul pareggio contro la Fiorentina del 10 marzo: “A Firenze ero arrabbiato, mi dispiaceva per i ragazzi perché nel primo tempo siamo riusciti a giocare i quarantacinque minuti più belli da quando sono qui. A gennaio abbiamo avuto tanti infortuni e quando mancano giocatori importanti la squadra ne risente. Avendo recuperato tutti i calciatori, stiamo giocando partite interessanti”. 

Sul momento di Correa, Inzaghi ha aggiunto: “Sta bene, è un ragazzo molto intelligente. Svolge la fase di non possesso molto bene e nelle ripartenze è bravo. Ha avuto un problema alla schiena, sembrava di poco conto. Ha fatto un antidolorifico prima di giocare, ma dopo 25 minuti ha chiesto il cambio. Anche Caicedo è stato bravo. Mi dispiace che sia in Coppa Italia che oggi abbia trovato Handanovic che ha fatto dei miracoli. Non dobbiamo fermarci. Abbiamo due partite ravvicinate, già mercoledì ci sarà una partita difficile da interpretare nel modo giusto”. 

Riguardo Luis Alberto, l’allenatore della Lazio ha detto: “Sta giocando molto bene da interno. Abbina qualità e quantità. Quando è uscito Correa ho preferito schierare Caicedo, che non è andato in nazionale. Fino all’ultimo ho avuto alcuni dubbi di formazione. Perché Immobile era stato impegnato con l’Italia, mentre Correa e Caicedo no”. 

Qualche battuta anche su Milinkovic-Savic. Suo il gol decisivo che ha regalato i tre punti alla Lazio: “Milinkovic-Savic non ha fatto il ritiro con noi. Probabilmente avrei dovuto inserirlo gradualmente, ho sbagliato. E’ partito bene, poi ha avuto un calo fisiologico. E a novembre si è infortunato. Ha rallentato un po’, adesso sta tornando. Ha grandissima qualità. Contro il Siviglia mi dispiace non aver giocato con lui e Luis Alberto. Saremmo voluti andare più avanti”. Infine complimenti alla squadra per la vittoria: “Sono stati tutti bravi. Avendo Perisic e Politano larghi era normale che concedessimo qualche cross. E’ stato bravo anche il portiere. L’ho lanciato io e ci è stato di grande aiuto”.