Bari, gli undici in corsa per la rinascita

Dopo il fallimento, si cerca una nuova società per la rinascita del Bari. Ecco l’elenco degli undici proponenti, in ordine temporale: SSC BARI di Filmauro (De Laurentiis), Asd Bari Calcio di Luigi Blasi, Di Nunno, Preziosi, Ferri, Canonico, Alessio Sundas, Fulvio Monachesi, Gianvito Giannelli, Claudio Lotito, Consortium Djarum.

“Buona parte di questi li ho contattati personalmente – le parole del sindaco Antonio Decaro – utilizzando la rete con gli 8000 sindaci. Alla fine sono arrivate 11 proposte e in queste ore la commissione sta valutando le proposte, ne hanno finora valutate credo otto o nove. Ho utilizzato anche il video della giornata al Della Vittoria (20 luglio, manifestazione con 4000 tifosi) per prospettare lo scenario per il futuro ai potenziali investitori”. La commissione andrà avanti “fino a quando non avremo individuato il proponente che avrà rispettato i parametri”.

Roma, El Shaarawy: “Non mi muovo da qui, voglio la Nazionale”

Tanta voglia di ricominciare al meglio e nessun timore per la concorrenza agguerrita in attacco: idee chiare per Stephan El Shaarawy, che in vista della prossima stagione vuole ritagliarsi un ruolo da protagonista on la maglia della Roma.

Ad annunciarlo è stato lo stesso attaccante classe ’92, che dalla tournée americana con il club giallorosso è intervenuto ai microfoni di Sky Sport allontanando le voci di mercato. “Qui sto bene e penso di non muovermi – ha assicurato El Shaarawy -, ho parlato con il club e con l’allenatore, sono sereno e contento di stare a Roma. In una grande squadra è normale che ci sia tanta concorrenza, ma per me questo non è mai stato un problema. In passato ho già vissuto situazioni simili, è il nostro lavoro. Ora cerchiamo solo di dare il massimo per la Roma. La società sa quello che voglio, quando c’è stato qualcosa da dire l’ho sempre fatto in maniera serena. Allo stesso tempo anche io so cosa vuole la società. Le voci di mercato non sono state un problema, anche se erano infondate“.

El Shaarawy ha poi parlato della preparazione precampionato e ha fissato uno dei suoi obiettivi stagionali, riconquistare la maglia della Nazionale. “Stiamo lavorando, siamo soltanto all’inizio ma si vede grande entusiasmo da parte di tutta la squadra. Vogliamo arrivare all’avvio della stagione nelle migliori condizioni possibili, si respira un bel clima e si è creato un bell’ambiente, per questo ci sono tutti i presupposti per fare un gran lavoro. La Nazionale? Ci penso, certo, anche perché ho sempre fatto parte del gruppo azzurro. Ora sto bene fisicamente, quindi i miei obiettivi sono migliorare prestazioni e numero di gol rispetto all’anno scorso e riprendermi il posto in Nazionale“.

Coppa Italia, tutti i risultati del primo turno

I risultati del primo turno di Coppa Italia e tutti i futuri accoppiamenti: vincono Siena e Catania, la Giana Erminio passa sul campo dell’Alessandria così come l’Imolese a Carrara. Nel prossimo turno entrano in gioco le squadre di Serie B

La Coppa Italia 2018-2019 si è aperta ieri con l’anticipo fra Casertana e Picerno. 2-0 il risultato finale in favore dei padroni di casa, che nel prossimo turno affronteranno il Livorno. Nella giornata di oggi poi si è completato il quadro. Ecco tutti i risultati del primo turno e i futuri accoppiamenti

Alessandria-Giana Erminio 0-1 (Marzeglia al 58′). Nel prossimo turno gli ospiti affronteranno il Crotone

Monza-Matelica 1-0 (Barba al 48′). I padroni di casa nel prossimo turno affronteranno il Padova

SudTirol-Albalonga 2-1 (Al 53′ Costantino (S), Corsetti (A) al 55′, Vinetot (S) all’82’). I padroni di casa affronteranno il Venezia

Renate-Rezzato 0-2 (Al 43′ Sodinha (Rez), al 54′ Geroni (Rez) Gli ospiti affronteranno la Salernitana

Viterbese-Rende 1-0 (Al 58′ Palermo (V) I padroni di casa affronteranno l’ Ascoli

Sambenedettese-Sanremese 1-0 (Al 47′ Gelonese) I padroni di casa affronteranno lo Spezia

Albinoleffe-Pordenone 0-1 (Al 90’+1 Bombagi). Gli ospiti affronteranno il Pescara

Vicenza-Cheri 2-1 (Al 15′ Maistrello (V), al 30′ Pautassi (C), al 35′ Curcio (V) I padroni di casa affronteranno il Palermo

Carrarese-Imolese 0-1 (Al ’69 De Marchi) Gli ospiti affronteranno il Benevento

Catania-Como 3-0 (Al 29′ Lodi (Ca), al 44′ Rossetti (Ca), all’81’ Curiale (Ca) I padroni di casa affronteranno il Foggia

FeralpiSalò-Francavilla 2-0 (Al 54′ e 64′ Marchi (F) I padroni di casa affronteranno il Lecce

Juve-Stabia-Pistoiese 1-0 (All’80’ Paponi (J) I padroni di casa affronteranno il Verona

Monopoli-Piacenza 5-3 ai calci di rigore. I padroni di casa affronteranno ilCittadella

Siena-Sicula Leonzio 2-0 (Al 48′ Bulevardi (S), al 62′ Neglia (S) I padroni di casa affronteranno l’Entella

Ternana-Pontedera 4-2 ai calci di rigore. I padroni di casa affronteranno ilCarpi

Trapani-Campordarsego 1-0 (Al 10′ Evacuo (T) I padroni di casa affronteranno il Cosenza

Pisa-Triestina 5-3 ai calci di rigore. I padroni di casa affronteranno la Cremonese

Ancelotti: “Fin qui mi sono divertito e quando mi diverto sono pericoloso”

Le parole di Carlo Ancelotti, in conferenza stampa, al termine del ritiro di Dimaro.

Tra presente, il Napoli, e il calciomercato. Carlo Ancelotti ha parlato in conferenza stampa dal ritiro di Dimaro che termina oggi. Tanta felicità per la preparazione svolta alla perfezione dalla squadra e per l’ambiente che lo ha accolto benissimo e di cui è rimasto piacevolmente colpito. Ecco le sue parole:

“Il bilancio di questo ritiro è assolutamente positivo. Tra ambiente e calore dei tifosi è andato tutto alla perfezione. Soddisfatto della squadra? Sì, ho trovato un gruppo sano con conoscenze e tanta disponibilità. Tutti si sono messi a disposizione. Abbiamo fatto veramente un bel lavoro, assimilato bene dai ragazzi. Parco attaccanti? Sono soddisfattissimo di tutta la rosa. E’ una rosa competitiva di qualità giovane e volitiva. L’impressione che ho avuto all’inizio è stato confermato tutto. Ho scelto Napoli proprio per questo e per ora non ha deluso le mie aspettative.

Il calendario? Tutte si devono affrontare, chi prima chi dopo. Noi saremo pronti fin dall’inizio. Mi vogliono tutti bene? Io ho trovato un grande ambiente poi è logico che intorno a me ci siano grandi aspettative. Fino adesso mi sono divertito e quando mi diverto sono pericoloso. Cavani? Quando finirà questo mercato ci sarà quello di gennaio, sono voci che ci saranno sempre. Ho dei grandi calciatori e sono contento.

Sabaly? Ci sono tante situazioni in questo calciomercato che stiamo valutando con la società, ma non abbiamo emergenza. Il mercato chiude il 18 agosto. La squadra è a posto, se ci saranno opportunità le coglieremo. Inglese? Può fare molto bene, ho grande fiducia in lui perché è umile e un grande lavoratore. C’è tanta competizione e si dovrà giocare il posto, ma ha qualità per fare bene. Allan terzino destro? L’ho usato lì solo per necessità, non è un’idea per il futuro. L’unico che vedo bene nella nuova posizione è Hamsik che mi sta dando tante soddisfazioni.

De Laurentiis? Ha una grande cultura. Parliamo soprattutto di cinema, poco di calcio. Io sono un grande appassionato e con lui ci facciamo delle grandi belle chiacchierate. Qui ho trovato un ambiente sereno e motivato con voglia di crescere. Ho letto che sono venuto qui volendo giocatori top, ma non è vero. Sono venuto per il progetto giovane e perché questa società vuole crescere e secondo me ha anche ampi margini di crescita.

Come si crea la mentalità vincente? E’ difficile rispondere a questa domanda. Per crearla devi costruire un gruppo coeso dove tutti remano dalla stessa parte. Si costruisce giorno dopo giorno. Tutti devono contribuire per far sì che la squadra ottenga i risultati che merita. Questa è una squadra che alle spalle ha un lavoro fantastico e io cerco di metterci le mie conoscenze. Somiglianze tra questo gruppo e altri allenati in passato? Questo è un gruppo diverso da altri che ho allenato. Un gruppo così giovane e fresco dal punto di vista fisico non lo ho mai avuto, è un po’ una novità. Gli altri anni facevo gli allenamenti col misurino, qui invece questo problema non c’è stato e sono molto molto contento.

Usa il cellulare a gara in corso, adesso arriva la sanzione

Era nato tutto per una buona causa, è diventato un caso in Brasile e non solo ed ora la vicenda si è conclusa con le sanzioni promesse.

Un episodio che presto ha fatto il giro del mondo, condannato dai più ed ora Santos ne paga le conseguenze. Squalifica per una giornata (salterò dunque la sfida contro il Vitoria di domenica prossima) per aver agito “contro l’etica dello sport”, questa la motivazione del Tribunale Superiore della Giustizia Sportiva brasiliano.

Codice di Giustizia Sportiva brasiliana alla mano, si tratta della violazione dell’articolo 258, secondo il quale per un calciatore è vietata “qualsiasi condotta contraria alla disciplina o all’etica dello sport non esplicitata da altre regole presenti nel Codice”.

Non solo, anche l’Atletico Paranaense è stato multato: sanzione da 50,000 BRL (quasi 10mila euro) per essersi reso ‘complice’ dell’organizzazione di questo gesto.

Si è trattato infatti di un episodio preparato precedentemente dalle parti in causa (club, portiere e compagnia promotrice).

Nessun messaggio da mandare nè social da aggiornare, era tutto legato ad un’iniziativa per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’utilizzo del cellulare alla guida: “Quello che io ho fatto in campo è la stessa cosa che migliaia di persone fanno ogni giorno nelle loro macchine, alla guida.

L’unica differenza è che in quel caso si possono provocare incidenti stradali, ed è ben più pericoloso rispetto al prendere un gol”, aveva spiegato lo stesso Santos pochi giorni dopo l’accaduto.

ICC 2018: Juve super con Favilli, Milan ko ai rigori. Male la Roma

Una vittoria e due sconfitte, seppure quella del Milan arrivata dopo una serie lunghissima di calci di rigore. E’ questo il bilancio delle squadre italiane al debutto nella International Champions Cup 2018. Bene la Juventus che, grazie ad un super Favilli, stende il Bayern Monaco e comincia con il piede giusto la competizione. Privo di altri centravanti, Allegri si affida al classe ’97 che ripaga immediatamente la fiducia del proprio allenatore. Due gol e tanti applausi, che permettono ai bianconeri di ottenere i primi punti nella ICC 2018.

Bene anche il Milan contro il Manchester Utd, nonostante la sconfitta dopo una lunghissima serie di rigori (1-1 nei regolamentari, botta risposta Sánchez-Suso nel primo quarto d’ora, 9-10 il risultato contando i rigori). Buon secondo tempo per i rossoneri, con un Manchester con in campo comunque tanti giovani. Buona la prestazione di Bonucci soprattutto in fase di impostazione (fascia da capitano al braccio), un tempo in campo per il difensore italiano che potrebbe aver giocato gli ultimi minuti in maglia rossonera. Reina infine protagonista a sorpresa, entrato al posto di Donnarumma nella ripresa: parata super sul tiro di Shaw, poi 4 rigori parati e uno segnato per andare ad oltranza.

Lazio, visite mediche per Lukaku: domani raggiunge la squadra ad Auronzo

Con qualche giorno di ritardo inizia la stagione biancoceleste per JordanLukaku. L’esterno belga non era partito inizialmente con il resto della squadra per il ritiro ad Auronzo, si aggregherá domani. Oggi, nel giorno del suo compleanno, è atterrato direttamente da Los Angles e ha raggiunto direttamente la clinica Paideia dove svolgerá le visite mediche di rito prima di raggiungere domani in resto della rosa ad Auronzo di Cadore per l’ultima parte di ritiro.

Milan, il saluto di Mirabelli: “15 mesi difficili e splendidi. Questa squadra una mia creatura”

Dopo l’incontro in mattinata e l’esonero, è arrivato il tempo dei saluti per l’ex direttore sportivo del Milan Massimiliano Mirabelli. Il dirigente ha affidato ad una lettera pubblicata su Instagram le sue parole d’addio ai rossoneri: “Cari milanisti, quando arriva il momento di dire grazie, vuol dire che qualcosa che era cominciato poi finisce. Non è mai facile, soprattutto quando ripensi alle interminabili giornate di lavoro dedicate ad un unico e dichiarto obiettivo: il bene del Milan. Vorrei partire da qui, da questo immenso mondo chiamato Milan e dalla sconfinata passione che lo circonda. Vorrei partire da voi: dal vostro amore, dalle vostre ansie e dai vostri sogni, dalle gioie e dalle paure, da tutto quello che mi avete trasmesso in questi difficili ma splendidi 15 mesi di lavoro, dei quali vado fiero. Grazie. Con voi, non io, ma tutta la squadra del Milan, non è mai stata sola. Vi ho incontrato per le strade e nelle città dove il Diavolo è andato a giocare. Ho provato le vostre stesse emozioni, sono rimasto colpito dall’affetto che mi avete dimostrato con i vostri striscioni e comunicati e mi emoziono ancora se ripenso a quella sera dell’Olimpico dopo la sconfitta in Coppa Italia con la Juve. Avevamo perso, ma voi avevate vinto.

Ho provato con tutte le mie forze a regalarvi il miglior Milan possibile, perché voi milanisti meritate di tornare sul tetto d’Europa e del Mondo. Ci tornerete, ne sono sicuro. In questi 15 mesi abbiamo fatto tante operazioni, acquisti per un progetto a lunga durata, rinnovi complicatissimi ma portati in porto e tutta una serie di cessioni che hanno consentito al club di ridurre il passivo. Questo Milan, consentitemelo, è una creatura che sento molto mia. Prima di tutto voglio dire grazie a mister Gattuso, che ho voluto fortemente alla guida della squadra, perché ci ha unito non solo il sangue della nostra stessa terra, ma soprattutto l’odore del campo. Abbiamo lottato e sofferto insieme, su ogni singolo pallone, come nel suo stile e gli auguro tutte le fortune di questo mondo, perché Rino se le merita tutte.

Abbraccio tutta la squadra, anzi tutte le squadre del Milan: da capitan Bonucci al più piccolo dei talenti rossoneri. E un grande in bocca al lupo alle ragazze di Carolina Morace, alla loro prima stagione targata Milan. Ho creduto in ognuno di loro e ho cercato di costruire un progetto concreto e duraturo. Sono sicuro che il Diavolo che verrà avrà basi solide e occhi ambiziosi. Grazie allo staff di mister Gattuso e a tutti i dipendenti e collaboratori di Milanello, dal primo all’ultimo anello di una catena rossonera che ha lavorato senza sosta insieme a me e mi ha accompagnato in questo fantastico viaggio. Grazie ai dipendenti di Casa Milan, con i quali ho condiviso tutte le emozioni di questa avventura e a tutti i componenti del Vismara che tra tecnici, collaboratori, consulenti e osservatori, con il loro lavoro hanno dato forza e speranze a tantissimi ragazzi.

Grazie a tutti i giornalisti, a tutto il mio staff e a chi ha creduto in me e mi ha concesso questa enorme opportunità professionale: servire il Milan per me è stato un onore. Infine grazie alla mia famiglia, fonte inesauribile di amore, soprattutto nei momenti più difficili. Gli uomini passano, il Milan resta. Forza Vecchio Cuore Rossonero!”

Lazio, Tare arriva ad Auronzo: summit con Inzaghi

Il ds Tare arriva in ritiro. Volo Roma-Venezia delle 2.30, poi in macchina fino ad Auronzo di Cadore, dove la Lazio sta svolgendo la preparazione estiva. Nessun commento, tanto lavoro da fare, un “cinque” a Ciro Immobile, incrociato fuori l’hotel dopo il suo arrivo. Tare incontrerà Inzaghi per un summit di mercato e assisterà alle prossime amichevoli contro Triestina (25 luglio) e Spal (28, ultimo giorno di ritiro). Felipe Anderson è ancora da sostituire, la Lazio sta sondando vari profili per l’attacco (su tutti Wesley, attaccante del Bruges classe ’96). In questi giorni vedrà gli allenamenti, studierà i nuovi acquisti da vicino, parlerà con Inzaghi e farà il punto della situazione. Il mercato corre veloce in casa Lazio. 

Milan, squadra in partenza per gli USA. Reina: “Non vedo l’ora di iniziare”

Primi impegni amichevoli stagionali per preparare la stagione 2018-19, dopo il 2-0 di Milanello al Novara, e partenza verso gli USA per le tre sfide contro Barcellona, Manchester United, Tottenham e Barcellona valide per l’International Champions Cup. Dopo lunghe giornate con il tema societario in primo piano, volto a segnare l’inizio della nuova era targata Elliott, il Milan torna a concentrarsi sul tema-campo, con la tournée negli States al via: con Montolivo escluso per scelta tecnica, Gómez rimasto a Milanello e al centro di trattative di mercato e Strinić atteso nelle prossime settimane post ottimo mondiale disputato, il gruppo rossonero è partito verso Parigi (dove farà scalo) da Linate (20.40) con un Pepe Reina in più, pronto ad esprimere le proprie prime impressioni sulla nuova esperienza rossonera pre partenza.

Sono arrivate anche le prime parole rossonere di Reina: “Sono felicissimo, con tantissima voglia di iniziare e di inserirmi nel gruppo. E dare il contributo alla rosa per cercare di crescere il più possibile. Io il numero 1? Tutti e 3 lo siamo, il Milan è una squadra importantissima e dobbiamo dare il massimo per mettere in difficoltà il mister nella scelta. Higuain? Sono ipotesi, quello che posso dire è che sono molto contento di arrivare in una grandissima società che vuole crescere. Interesse del Chelsea? Anche quella è un’ipotesi, sono appena arrivato e voglio inserirmi il primapossibile qui. Sarri? E’un allenatore che mi ha dato tantissimo, gli auguro il meglio”.